Prenotazione

Data di arrivo:

Notti:

Accesso di disponibilità (facoltativo)

La mia prenotazione »



SOLO ADULTI

TwitterFacebook
Stampa

Vacanze nel posto tranquillo in Dalmazia con un clima mediterraneo e ricco di storia

Anche nei tempi antichi, l'imperatore Diocleziano ha scelto una posizione tranquilla per il riposo, il clima mediterraneo moderato con inverni miti, dove poteva passare molto tempo all'aria aperta - passeggiare o ricrearsi allevando le verdure. Ha scelto la Dalmazia anche per il buon cibo, tutto l’anno c’è tanto pesce, l’olio di oliva, la verdura frescha e frutta. Naturalmente, tutto ciò con buon vino.

Il nome dell'isola di Brac proviene probabilmente dal nome illirico "brentos" (cervo), quindi è stata l’isola di cervi. La leggenda è stata raccontata tra i residenti di Brac, che il nome dell'isola è stato creato quando un guerriero troiano si è stabilito nell’Ambracia in Grecia, da dove salpò per l'isola che ha chiamato Brachia. Aveva portato con sé pastore, marinaio, agricoltore e coltivatore, che sull’isola avevano portato vite e un ramo d'ulivo.

L'isola di Brac, il cui patrono è San Geronimo, ha una ricca storia. Le prove dell'esistenza di vita nei villaggi risalgono addirittura all'età della pietra (3.000 anni prima del Cristo).
La colonizzazione greca di Dalmazia ha saltato l'isola, di Brac, ma al tempo dei Romani sono state create numerose fattorie romane (ville rustiche), principalmente per lo sfruttamento della famosa pietra di Brac. Le antiche mura della villa rustica possono trovarsi ancora nel cimitero di Supetar.

Nel 7 secolo comincano arrivare i croati sull'isola, e dopo il loro battesimo la vita sull'isola riceve un nuovo slancio. Venezia ha avuto un grande impatto sull'isola, perchè regnava quasi 4 secoli e una costante minaccia dei turchi sulla terraferma aveva influito l'aumento della popolazione dell'isola.

Fin dall'inizio della storia dell'isola fino ad oggi, vino e olio d'oliva di Brac avevano sempre il prezzo significante. Il vino si esportava in tutta Europa fino all’inizio del 20 secolo, quando la fillossera distrusse tutti i vigneti a poco a poco, provocando un esodo massiccio di gente nei paesi d'oltremare, in particolare in Cile. L'isola di Brac è sempre stata conosciuta anche per l’allevamento di capre che ancora si possono trovare in gran numero.